Categorie
Eventi

Se stai subendo violenza e hai figli

Esperienze di una mamma (tratte dal suo profilo Facebook).

1) Denuncia.

2) Contatta il centro violenza della tua zona.

3) Scegli un avvocato esperto in materia, uno per il penale uno per il civile. Ci sono anche avvocati che fanno entrambi, nel caso in cui hai due avvocati sei tu ad aggiornarli. Aggiornarli sempre, il civile deve sapere cosa accade nel penale e viceversa. Scegli per il civile un avvocato con un ottima esperienza in merito a separazioni in casi di violenza. Ricordati, te sei un pozzo di informazioni. Poi saranno gli avvocati a saperle usare. Devi dire loro tutto, anche il minimo particolare. E sì, li stresserai. Ma è la tua vita. Dei tuoi figli. Non ti fare problemi. Poi saranno loro a dirti quando e come. Fidati dei tuoi avvocati, sapranno più di chiunque su di te. Ma per fare bene il loro lavoro devono sapere da te tutto.

4) I centri antiviolenza non hanno mai tanti fondi e non ti potranno seguire bene a lungo termine, devi sceglierti un tuo psicologo di cui ti fidi in cui puoi dire tutto. Sarà molto importante, hai subito dei traumi e subirai ancora. Devi avere un tuo porto sicuro in cui sfogarti ed essere compresa.

5) Sii collaborativa e benevola verso i servizi sociali, ma poniti anche in modo fermo quando non sarai d’accordo con loro. Non prenderli mai di petto, sempre con rispetto e tanta pazienza. Non aspettarti un loro aiuto ma se non ti giudicheranno male sarà già tanto.
Faranno le visite domiciliari. Sistema casa, deve essere in ordine e i minori devono avere i giusti spazi. Potranno farle più volte e vorranno parlare con i minori.

6) Colloqui con UFSMIA. Sarai forse mandata dalla psicologa dell’usl del tribunale dei minori. Collabora sempre e comunque. Dì sempre la verità dei fatti, non enfatizzare mai la violenza subita. Meglio sminuirla e farsi vedere comprensive degli accaduti.

7) CTU (Consulente Tecnico d’Ufficio). Subirai violenza istituzionale. Farà ancora più male di quella fisica e psicologica messa intatto dal tuo ex. Resisti. Sorridi. Scegli un ottimo CTP (Consulente Tecnico di Parte) che possa difenderti. Verra fuori l’inverosimile da questo iter. Ricorda in ctu la parola violenza non vogliono sentirla la cancellano con altra…conflittualità tra coniugi. Hai subito? Subirai ancora di più da parte del ctu.

8) Test psicologici. Ti faranno il Minnesota test e le macchie di rorschach. Sii sincera. Verranno fuori le tue debolezze i tuoi punti critici. Non ti abbattere, l’importante è farti vedere che ne sei consapevole.

9) Penale. Procurati prove, foto, testimoni. Se c’è stata violenza assistita sui minori è la procura che deve prima parlare con loro non i servizi. Altrimenti per il processo saranno considerate prove inquinate. La violenza domestica si consuma tra le mura di casa. Per l’iter penale anche la tua buona testimonianza è sufficiente. L’altra parte punterà a screditarti quindi se hai scheletri nell’armadio li useranno palesemente contro di te. Per questo devi dire tutto al tuo avvocato. Tutto.
Dopo la denuncia, se sei fortunata, avvieranno le indagini preliminari, mantieni buoni rapporti con l’ispettore che segue il tuo caso. Fa’ che lo prenda a cuore. Poi ci sarà il rinvio al giudizio. Se l’altra parte non patteggia o rifiuta il rito abbreviato ci sarà il vero processo.
Durante il processo respira. Presentati a tutte le udienze vestita bene sobria e calma. Sara difficile sentire e risentire la tua storia in bocca ai testimoni. Fidati del Pm e informa sempre il tuo avvocato su tutto, anche di quello che succederà in parallelo nel civile, poi sarà lui a sapere come e se usare le informazioni. Avere un tuo psicologo in questa fase è molto importante sarà davvero dura. Sopratutto se saranno raccontate violenze sessuali sarà dilaniante sentire e risentire.

10) Incontri protetti. Se ci sono gli incontri protetti o osservati tra padre e figli tu documenta tutto. Quando sei arrivata, a che ora, cosa lui poi ha lasciato ai bambini. Quando parli con gli educatori, se puoi registra. Non ti fidare mai. Sii calma, sorridente e molto molto collaborativa. Non essere ansiosa. Mostrati fiduciosa e sorridente.

11) Circondati di amici. Prenditi dei momenti per staccare. Soprattutto dopo le udienze. Non tornare subito a casa. Vai a cena da una amica, riposati…rilassati.

12) Racconta quello che ti succede ad amici e parenti. Non devi essere sola. Chi non è dentro a questo vortice non si può immaginare ciò che stai vivendo…chiedi supporto ed aiuto, non ti vergognare.

13) Sul civile la parola violenza non vogliono sentirla. Se sarà disposto l’affido ai servizi con domicilio prevalente a te. Stai tranquilla. Basta collaborare. Manda email sempre di qualsiasi cosa tu voglia fare con i minori. Dalla cena con amici alla vista dal dentista. Quando mandi l’email metti in copia tutti. Servizi, avvocato, ctp, psicologa, ufsmia e curatrice.

14) Curatrice. Di te non gli importa nulla, non ti capirà, non vorrà sapere la storia. Hanno delle line, più che altro sono avvocati formali e distaccati. Rappresenteranno i minori nel processo civile. Non ti aspettare pietà compassione o altruismo. Ai curatori non importa se non dei minori in modo formale.

15) Scuola. Informa la scuola senza parlare mai male del tuo ex. Sii attiva nella scuola. Devi essere una madre presente buona che va alle riunioni e che ha un buon rapporto con tutti gli insegnati. Ben inserita educata e di supporto alle altre mamme. In ctu e nell’indagine familiare dei servizi, anche le insegnati saranno interrogate su di te come madre.

16) Pediatra. Informa il pediatra di tutto. Mettilo in copia nelle email ai servizi sociali, quando avvisi i servizi che il bambino ha la febbre o sta male.

17) Se hai l’affido esclusivo, non escludere mai il tuo ex. Fallo mettere per iscritto via email se lui non fosse d’accordo su alcune scelte per i minori ed informa i servizi. Altrimenti non procedere. Anche per cose se a te possono sembrare buone per i minori come la logopedia o una visita oculistica, non le fare anche se hai l’affido esclusivo senza il consenso scritto dell’altro genitore!

18) Non ti aspettare giustizia. Se otterrai una quotidianità serena sarà già tanto. Non sperare nella giustizia. Non lo fai per giustizia, denunci per sopravvivere, per uscire dalla violenza viva te ed i tuoi figli. Questo è l’importante.

Io in questo marasma ci sono ancora!
Denuncia, ma preparati.
Per me è ancora disposto l’allontanamento e in questo sono fortunata.

Questi sono consigli su ciò che ho vissuto e sto vivendo io. Se avessi saputo queste cose all’inizio della denuncia, mi sarei risparmiata degli sbagli. Ed invece le ho imparate vivendole…

Foto di Isabella Quintana da Pixabay

Categorie
Blog

Google e lo sdoganamento delle ca**ate

Mi ha fatto sorridere la traduzione automatica di Google Translate per una frase trovata su Reddit:

Categorie
Trafficking

Bookmarklet to debug Prebid

Simple bookmaklet to debug your prebid in site:

javascript:(function(){window.location.href="?pbjs_debug=true";})(); 

Create a new bookmark and paste this code in the url field.

Categorie
Blog

Google e la guerra in Ucraina

Questa le mail ricevuta poco fa da GAM.

Dear Publisher,

Due to the war in Ukraine, we will pause monetization of content that exploits, dismisses, or condones the war.

Please note, we have already been enforcing on claims related to the war in Ukraine when they violated existing policies (for instance, the Dangerous or Derogatory content policy prohibits monetizing content that incites violence or denies tragic events). This update is meant to clarify, and in some cases expand, our publisher guidance as it relates to this conflict.

This pause includes, but is not limited to, claims that imply victims are responsible for their own tragedy or similar instances of victim blaming, such as claims that Ukraine is committing genocide or deliberately attacking its own citizens.

Until next time,
The Google Ad Manager Team

Categorie
Blog

Usare la formula UNIQUE in Google Sheets

Ho avuto l’esigenza di avere, su di una colonna separata, l’elenco dei valori compresi in un’altra, valori che sono per lo più duplicati.

Essendo questa colonna molto lunga, dovevo scrollare la pagina più volte per vedere questi valori pertanto con la seguente formula ho potuto raccogliere i valori unici presenti.

Esempio di formula:

 =UNIQUE(A2:A1500)

indicando le celle che vuoi siano comprese (nell’esempio ho messo le celle da A2 a A1500).

Maggiori info qui.

Categorie
Trafficking

Pubmatic – Domain has high SIVT rate

Traffico sofisticato non valido (SIVT)

Traffico non umano più difficile da rilevare e che richiede analisi avanzate, conferma/coordinamento multipunto o intervento umano significativo per l’analisi e l’identificazione. Esempi chiave includono dispositivi dirottati, tag dirottati, adware, malware, navigazione incentivata, contenuti sottratti (se applicabile), decisioni di impressioni visualizzabili falsificate e cookie stuffing.

Testo tradotto da IAS

Categorie
Trafficking

Come disabilitare Google Tag Manager solo in Home Page

Ecco i semplici passaggi per non attivare GTM in Home Page

  1. Vai su “Attivatori”
  2. Inserisci il nome
  3. Seleziona “PagePath”
  4. Seleziona “non è uguale a”
  5. Aggiungi “/”

Ecco fatto!

gtm non attivo in homepage
Categorie
Trafficking

AdSense – Failed to load resource: the server responded with a status of 400 ()

Può significare diverse cose:

  • il sito non è ancora approvato per la visualizzazione di annunci
  • ci sono troppi codici degli annunci nella pagina (massimo 3 consentiti)
  • il sito è stato disattivato dalla pubblicazione di annunci
  • quando un parametro non è corretto come ID editore, ID spazio pubblicitario, larghezza e altezza
  • quando non è stato trovato un account AdSense valido per l’ID editore inserito
  • quando l’editore non incolla il codice dell’annuncio.

È difficile dirlo senza conoscere lo stato dell’account AdSense e se si tratta o meno di un account host.

Un account “aperto” non significa necessariamente che sia stato approvato per la pubblicazione di annunci su un sito web.

Via  e qui

Categorie
Trafficking

Pubmatic – Low Majestic Score

Quando un collegamento ha un punteggio Majestic elevato (Trust Flow e Citation Flow), significa che il collegamento è influente e affidabile. I punteggi per entrambe le metriche sono compresi tra 0 e 100, dove maggiore è il punteggio, maggiore è il grado di influenza o fiducia. Se i backlink del tuo sito hanno un Trust Flow basso e un Citation Flow di 10 o meno, Google potrebbe considerarli come spam e black hat. Monitor Backlinks mostra sia il Trust Flow che il Citation Flow di tutti i tuoi link. […]

Descrizione sommariamente tradotta e presa da monitorbacklinks.com

Praticamente, quando viene mandato in approvazione un nuovo sito nella piatatforma di Pubmatic, questi ultimi effettuano un controllo e, come in questo caso, se il sito è nuovo di pacca e non ha alcun backlink, non viene preso in considerazione e pertanto non approvato.